Articoli in primo piano

Evoluzione dell’assistenza tecnica nei servizi IT: da Competence Center a Funzione Specialistica

Tratto da un mio articolo pubblicato su Linkedin prende in considerazione l’evoluzione da Competence Center a Funzione Specialistica.

Premessa

Prima di addentrarci nell’evoluzione dell’assistenza tecnica nei servizi IT, è bene chiarire la corretta definizione dei termini. Una delle parole chiave di chi si occupa di assistenza tecnica è “competenza”. Questa viene definita da Michele Pellerey (docente universitario specializzato in didattica) come: “insieme strutturato di conoscenze, di capacità, di atteggiamenti necessari per l’efficace svolgimento di un compito”.

Il Competence Center

Il Competence Center può essere dunque visto come un centro che sviluppa e mette a disposizione le conoscenze…

[continua a leggere]

 

Leggi anche “ITIL Tagged” una serie di articoli per comprendere i benefici del framework ITIL per le aziende che si occupano della gestione dei servizi IT.

ITIL e ITSM, cosa sono e a cosa servono
ITIL: Problem vs Incident

Andrea Cervi si occupa di Service Management in Poste Italiane S.p.A.
E’ certificato ITIL Foundation ed ITIL Intermediate Service Operation.
Si è interessato al framework ITIL sin dall’inizio seguendone l’evoluzione e l’integrazione per le aziende che si occupano della gestione dei servizi IT.

axelos linkedin twitter seguifacebook

Sicurezza dei device IoT

Da uno studio dei laboratori Kaspersky l’interesse dei Cyber-Criminali verso i device IoT è cresciuto il triplo nella prima metà del 2018 rispetto al 2017 e ben 10 volte di più nel 2017 rispetto al 2016.

kaspe_1

Tra gli attacchi principali vi è il cracking delle password Telnet. Le nazioni più colpite sono il Brasile con il 23%, la Cina con il 17% e il Giappone con il 9%. L’Italia, seppure con il 2%, si posiziona comunque tra le prime 10 nazioni.

kaspe_2

A seguito del cracking delle password Telnet i device vengono infettati dal malware Mirai (dal giapponese 未来, “futuro”) rendendo i dispositivi parte di una botnet che può essere usata per attacchi informatici su larga scala.

Un’altra pericolosa botnet formata da dispositivi IoT e battezzata IoTroop (o Reaper) si sta evolvendo e propagando ad un ritmo molto maggiore rispetto a quello impiegato da Mirai. Questa sfrutta le vulnerabilità software di dispositivi quali Router, Ip Camera, NAS.

In conclusione, gli Smart Device sono in costante aumento e si prevede che nel 2020 il loro numero sarà superiore al numero totale della popolazione mondiale. Purtroppo, nonostante la notevole diffusione i produttori di IoT device non sottolineano l’importanza per gli acquirenti di cambiare la password di default ne tantomeno l’aggiornamento del firmware. Sono queste infatti le accortezze che possono aiutarci a ridurre la pericolosità di eventuali attacchi informatici.

Per approfondire il tema della sicurezza informatica ti suggerisco le seguenti letture:

La sicurezza dei dati nelle reti aziendali

La sicurezza dei dati nelle reti aziendali

Hacker Manuale Difensivo

Hacker Manuale Difensivo

Riferimenti:

Andrea Cervi si occupa di Service Management in Poste Italiane S.p.A.
E’ certificato ITIL Foundation ed ITIL Intermediate Service Operation.
Si è interessato al framework ITIL sin dall’inizio seguendone l’evoluzione e l’integrazione per le aziende che si occupano della gestione dei servizi IT.

axelos linkedin twitter seguifacebook

 

 

.NET Core 3: ecco le prime novità!

 

netcore3.png
Nella sessione di Microsoft Build sono state anticipate alcune delle principali novità del framework Net Core 3.

Tra le principali novità, il supporto per le applicazioni Windows Desktop che beneficeranno del miglioramento delle performance.

Inoltre, sarà previsto il supporto per la conversione delle attuali applicazioni desktop in NET Core 3. Non da meno sarà il supporto per ASP.NET Core, EF Core e ML.NET.

L’anteprima è prevista per la fine di questo anno e la versione finale verrà rilasciata nel 2019.

 

Intrapreneur: come coinvolgere il dipendente-imprenditore nella strategia di innovazione

L’Intrapreneur è quel dipendente di un’azienda consolidata che possiede un mindset imprenditoriale e creativo. In pratica, è colui che all’interno del perimetro aziendale è incoraggiato a generare nuove idee e a sviluppare nuove soluzioni e nuovi modelli di business.

Fonte: Digital4

Black Mirror: il futuro è sempre più nero

161353795-6ee2162b-beb3-4ea0-b3bb-a773f04e446c“Black Mirror infatti non si parla del futuro ma di qualcosa che c’è già e di come potrebbe diventare: è questa la sua forza, ciò che colpisce allo stomaco lo spettatore!” […]  “E tutto è terribilmente agghiacciante perché, come si diceva, è terribilmente vicino, in certi casi addirittura probabile. Come in un episodio della precedente stagione intitolato Nosedive (Caduta libera, nella versione italiana) in cui era possibile ‘votare’ la popolarità degli altri con un massimo di cinque stelle grazie alla tecnologia all’interno degli smartphone e a un sistema di realtà aumentata che permette di visualizzare nome e punteggio corrente di tutti. Sono già state annunciate nella realtà iniziative simili quali il social network Peeple e, in Cina, un fantomatico ‘Piano per la costruzione di un Social Credit System’ per valutare l’affidabilità dei cittadini. Insomma, la tecnologia per la creazione di una simile mostruosità c’è già, ma noi non saremo così stupidi da accettare una cosa del genere, no? Mentre ci confortiamo con questi pensieri abbiamo già accettato con i vari social network prima, e ora con app sempre più utili (e al tempo stesso mostruosamente invasive), di dare tutti i dati possibili alle corporation, in primis quelli riguardanti la nostra salute e poi, ovviamente, le nostre letture, i nostri interessi, le nostre idee, le nostre foto, i posti dove andiamo e i voti che gli diamo. Vent’anni fa non lo avremmo mai considerato possibile: sarebbe sembrata una follia. Invece è successo. Tra pochi anni probabilmente renderemo accessibili le informazioni più importanti di tutte: quelle riguardanti il nostro Dna.”

continua a leggere su: repubblica.it

Whatsapp: 7 minuti per cancellare i messaggi inviati per errore

Cancellare i messaggi inviati via Whatsapp per errore? Presto sarà possibile. Secondo il sito WABetaInfo, dedicato all’applicazione per chattare, la novità è in fase di distribuzione su iPhone, smartphone Android e Windows Phone. In una pagina del sito di WhatsApp la nuova opzione viene chiamata “Eliminare i messaggi per tutti”. “Permette di eliminare specifici messaggi che hai inviato a un gruppo o a una chat individuale”, ed è “utile se hai inviato un messaggio alla chat sbagliata o se il messaggio che hai inviato contiene un errore”, si legge. Per eliminare un messaggio – sia esso una frase, una foto o un video – basterà selezionarlo e toccare il simbolo del cestino, quindi toccare “elimina per tutti”. Una volta fatto, i destinatari visualizzeranno la scritta “Questo messaggio è stato eliminato”.

Fonte: CoriereComunicazioni.it

Amazon-Microsoft, maxi alleanza in nome dell’intelligenza artificiale

Alexa di Amazon e Cortana di Microsoft diventano migliori amici virtuali. I due colossi tecnologici annunciano una partnership focalizzata sull’intelligenza artificiale, che avrà l’effetto di integrare i due assistenti fino ad oggi potenziali nemici l’uno dell’altro. Entro la fine dell’anno, gli utenti che utilizzano le piattaforme delle due compagnie potranno utilizzare indistintamente le due soluzioni. Ciò significa che si potrà utilizzare l’assistente Alexa tramite Cortana, ad esempio su un computer Windows, e Cortana tramite Alexa, ad esempio utilizzando gli speaker Echo di Amazon.

Fonte: CorriereComunicazioni.it