Panoramica della scalabilità di Linkedin

Nel suo post “Infrastructure at Scale: Overview“,  Ning Zhang ingegnere capo di LinkedIn, illustra come sia stata resa scalabile l’architettura informatica del noto social network.

Come mostrato nella figura riportata di seguito, LinkedIn ha realizzato applicazioni native sia per Ios che per Android oltre alle versioni mobile e desktop del sito web. Le quattro interfacce utente accedono ai dati tramite delle apposite API, questo permette una forte consistenza dell’interfaccia grafica e delle sue funzionalità su tutti i dispositivi.

Il codice di ciascuna piattaforma viene gestito su quattro repository, così suddivisi: iOS, Android, Web (che prevede sia il codice della versione desktop che di quella mobile) e le API. I repository gestiscono più di 5.000 files con più di mezzo milione di linee di codice.

Il modello utilizzato è il “Thrunk Based Development” che prevede un unico branch per ogni repository sul quale i programmatori eseguono le archiviazioni.

L’immagine di seguito illustra il processo di sviluppo:

Il processo viene chiamato “3X3” in quanto il rilascio avviene 3 volte al giorno e non intercorrono più di 3 ore per la pubblicazione dopo il rilascio del codice.

Per ulteriori informazioni vi rimando all’articolo originale: Infrastructure at Scale: Overview

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...