Archivio dell'autore: Andrea (EtabetaWeb) Cervi

Informazioni su Andrea (EtabetaWeb) Cervi

Andrea Cervi alias EtabetaWeb è specialista IT in Poste Italiane S.p.A. presso il Polo Tecnologico Sud (sede di Bari). Appassionato di informatica sin dall'adolescenza, all'età di 15 anni ricevette come regalo il suo primo home computer: un Commodore Vic 20 con il quale iniziò a realizzare i suoi primi programmi.

UBER… Tutti la amano! Tutti la odiano!

Si sta per quotare in borsa ma sia in Inghilterra che in Italia, la startup Uber, é stata messa al bando.

Sicuramente ha portato innovazione nel mondo della mobilità pur non rispettano le regole di mercato.

É stata supportata dal pubblico e osteggiata dai media ma addirittura passare da “Wolf of Wall street” a vittima sacrificale… Ce ne vuole!

Sì perché, la nuova linea di comunicazione “Save Your Uber” (petizione in Inghilterra) é orientata a farsi supportare dagli utenti spacciando il proprio business per un’innovazione fondamentale!

Sicuramente la quotazione in borsa porterà nuova liquidità e favorirà un’ulteriore crescita ma il progresso non si può contrastare con le manifestazioni!

Occorre rivedere e innovare il servizio pubblico.

Innovazione!

Questa è la parola d’ordine che le grandi aziende devono tenere presente per mantenere il passo!

Occorre avere una visione digitale su scala aziendale supportata da adeguate competenze per concretizzare questa strategia.

Le soluzioni possono trovarsi all’interno dell’azienda stessa individuando i talenti o creando sinergie con le startup.

La consapevolezza circa l’importanza del digitale nella strategia aziendale è forte ma per metterla in atto occorre investire in ricerca e sviluppo.

La misura dell’uomo di Marco Malvaldi

la-misura-dell-uomo

[leggi l’estratto]

Ottobre 1493. Firenze è ancora in lutto per la morte di Lorenzo il Magnifico. Le caravelle di Colombo hanno dischiuso gli orizzonti del Nuovo Mondo. Il sistema finanziario contemporaneo si sta consolidando grazie alla diffusione delle lettere di credito. E Milano è nel pieno del suo rinascimento sotto la guida di Ludovico il Moro. A chi si avventura nei cortili del Castello o lungo i Navigli capita di incontrare un uomo sulla quarantina, dalle lunghe vesti rosa, l’aria mite di chi è immerso nei propri pensieri. Vive nei locali attigui alla sua bottega con la madre e un giovinetto amatissimo ma dispettoso, non mangia carne, scrive al contrario e fatica a essere pagato da coloro cui offre i suoi servigi. È Leonardo da Vinci: la sua fama già supera le Alpi giungendo fino alla Francia di re Carlo VIII, che ha inviato a Milano due ambasciatori per chiedere aiuto nella guerra contro gli Aragonesi ma affidando loro anche una missione segreta che riguarda proprio lui. Tutti, infatti, sanno che Leonardo ha un taccuino su cui scrive i suoi progetti più arditi – forse addirittura quello di un invincibile automa guerriero – e che conserva sotto la tunica, vicino al cuore. Ma anche il Moro, spazientito per il ritardo con cui procede il grandioso progetto di statua equestre che gli ha commissionato, ha bisogno di Leonardo: un uomo è stato trovato senza vita in una corte del Castello, sul corpo non appaiono segni di violenza, eppure la sua morte desta gravi sospetti… Bisogna allontanare le ombre della peste e della superstizione, in fretta: e Leonardo non è nelle condizioni di negare aiuto al suo Signore. A cinquecento anni dalla morte di Leonardo da Vinci, Marco Malvaldi gioca con la lingua, la scienza, la storia, il crimine e gli ridà vita tra le pagine immaginando la sua multiforme intelligenza alle prese con le fragilità e la grandezza dei destini umani. Un romanzo ricco di felicità inventiva, di saperi e perfino di ironia, un’indagine sull’uomo che più di ogni altro ha investigato ogni campo della creatività, un viaggio alla scoperta di qual è – oggi come allora – la misura di ognuno di noi.

DevOps in breve

devopsDevOps è una metodologia che automatizza i processi tra lo sviluppo del software e i team IT, in modo che possano creare, testare e rilasciare il software in modo più rapido e affidabile.

Il termine nasce dall’unione delle parole dev (sviluppo) e ops (operazioni).

Secondo la definizione fornita da AWS: “Nella metodologia DevOps, i team dedicati a sviluppo e produzione non agiscono più separatamente. In alcuni casi, al contrario, i due team vengono fusi in un’unità in cui i tecnici sono attivi lungo tutto il ciclo di vita dell’applicazione, da sviluppo e testing a distribuzione e produzione, e acquisiscono una serie di competenze non limitate da una singola funzione. In alcuni modelli DevOps, anche i team dedicati a controllo della qualità e sicurezza spesso sono coinvolti più direttamente nelle fasi di sviluppo e gestione in tutto il ciclo di vita dell’applicazione. Quando in un team di DevOps la sicurezza è il punto focale di tutti, a volte prende il nome di DevSecOps”.

La lettera di Kathryn Hughes

la-lettera

[LEGGI L’ESTRATTO]

Quanto può durare un ricordo? Tina se lo chiede ogni sabato, davanti ai vestiti usati che vende per beneficenza. E se lo chiede quando, in una vecchia giacca, trova una lettera che risale al settembre 1939. E che non è mai stata spedita. Chi saranno mai Chrissie, la destinataria, e Billy, l’uomo che nella lettera implora il suo perdono? Qual è la storia che li unisce? E che ne è stato di loro?

 

Spider-Man: l’ultima caccia di Kraven

lultima-caccia-di-kraven
[LEGGI L’ESTRATTO]

Una delle storie più belle e importanti dell’Uomo Ragno torna disponibile in un nuovo volume. La morte di Peter Parker alias Spider-Man. Ricca sezione di extra con tavole a matita, copertine e una postfazione di DeMatteis. All’interno anche il lungo epilogo “L’anima del Cacciatore”. Contiene: “Spider-Man: Kraven’s Last Hunt” trade paperback, “Spider-Man: Soul of the Hunter”.

Frammenti di lei di Karin Slaughter

frammenti-di-lei
[LEGGI L’ESTRATTO]

E se la persona che credi di conoscere meglio al mondo si rivelasse una perfetta sconosciuta? Andrea sa tutto di sua madre Laura. Sa che non si è mai mossa da Belle Isle, una piccola cittadina sulla costa della Georgia; sa che non ha mai desiderato altro che diventare un pilastro della comunità in cui vive; sa che non ha mai avuto segreti e che desidera una vita tranquilla. Dopo tutto è sua madre, e lei la conosce bene… Poi, un giorno, mentre stanno pranzando nel fast food di un centro commerciale..