Archivio dell'autore: Andrea (EtabetaWeb) Cervi

Informazioni su Andrea (EtabetaWeb) Cervi

Andrea Cervi alias EtabetaWeb è specialista IT in Poste Italiane S.p.A. presso il Polo Tecnologico Sud (sede di Bari). Appassionato di informatica sin dall'adolescenza, all'età di 15 anni ricevette come regalo il suo primo home computer: un Commodore Vic 20 con il quale iniziò a realizzare i suoi primi programmi.

Le 10 mappe che spiegano il mondo di Tim Marshall

le-10-mappe-che-spiegano-il-mondo
Per comprendere quel che accade nel mondo abbiamo sempre studiato la politica, l’economia, i trattati internazionali. Ma senza geografia, suggerisce Tim Marshall, non avremo mai il quadro complessivo degli eventi: ogni volta che i leader del mondo prendono decisioni operative, infatti, devono fare i conti con la presenza di mari e fiumi, di catene montuose e deserti. Perché il potere della Cina continua ad aumentare? Perché l’Europa non sarà mai veramente unita? … Le risposte a queste domande, e a molte altre, risiedono nelle dieci fondamentali mappe scelte per questo libro, che descrivono il mondo.

[Leggi l’estratto e acquista]

Tutti Santi me compreso di Luciano De Crescenzo

tutti-santi-me-compreso
Circa una quarantina di anni fa la Chiesa di Roma minacciò di togliere San Gennaro dal calendario. I resoconti sul suo martirio non erano attendibili. Dopo una lunga contrattazione con la curia di Napoli, il Vaticano concesse il culto del santo, ma solo su base locale. San Gennaro diventava insomma un santo di serie B. Il primo pensiero che venne in mente ai napoletani fu: “Gesù, vuoi vedere che mo il santo si è offeso?”. Bisognava consolarlo. E sui muri della città apparvero delle scritte per tirarlo un po’ su: “San Gennà, futtatenne”. Luciano De Crescenzo, con la sua ironia e sapiente leggerezza le vite dei santi, togliendo loro l’aura dei santini per farli sentire un po’ più simili e vicini a noi.

[leggi l’estratto e acquista]

La gioia di pensare di Vittorino Andreoli

la-gioia-di-pensare
Viviamo in un tempo che ci distrae, in un empirismo che ci allontana con forza dalle occupazioni che sanno dare un senso alla nostra esistenza. Eppure questa deprivazione costante delle fonti essenziali di gioia può essere riconquistata ripristinando alcune semplici abitudini. La principale è senz’altro la feconda arte del pensare. Un esercizio a cui dedichiamo sempre meno energie e che proprio per questo impoverisce anche il nostro vissuto emotivo. Basterebbe poco per cambiare, per esempio tornando a usare quell’agenda che si è fatta virtuale, trascrivendo i nostri pensieri e trasformandoli in guida per il futuro.

[Leggi l’estratto e acquista]

Le quattro donne di Istanbul di Ayse Kulin

le-quattro-donne-di-istanbul.jpg
Dopo l’ascesa al potere di Hitler, Gerhard Schlimann, la moglie Elsa e i loro due figli Peter e Susanne abbandonano la Germania per sfuggire alle persecuzioni naziste. Si rifugiano dapprima a Zurigo e poi, quando Gerhard riceve un’offerta dal Dipartimento di Medicina dell’Università di Istanbul, in Turchia. Mentre Susanne e Gerhard sono affascinati dalla cultura turca e provano a integrarsi, Elsa e Peter sono invece fortemente ancorati alle origini tedesche. Nella città musulmana le nuove usanze avranno impatti fortissimi sulle loro vite…

[Leggi l’estratto e acquista]

The Game di Alessandro Baricco

the-game
Quella che stiamo vivendo non è solo una rivoluzione tecnologica fatta di nuovi oggetti, ma il risultato di un’insurrezione mentale. Chi l’ha innescata – dai pionieri di Internet all’inventore dell’iPhone – non aveva in mente un progetto preciso se non questo, affascinante e selvaggio: rendere impossibile la ripetizione di una tragedia come quella del Novecento. Niente più confini, niente più élite, niente più caste sacerdotali, politiche, intellettuali. Uno dei concetti più cari all’uomo analogico, la verità, diventa improvvisamente sfocato, mobile, instabile.

[Leggi l’estratto e acquista]

Quinto comandamento di Valerio Massimo Manfredi

quinto-comandamento
In una mattina di febbraio del 2004 un uomo fa irruzione in un ospedale di Imola. Il suo nome è Jean Lautrec. Incurante di sorveglianti e infermieri si precipita nella stanza in cui è sdraiato un uomo sedato e intubato. È un sacerdote, padre Marco Giraldi, che è riuscito a sfuggire ai sicari assoldati dalle multinazionali contro cui si è messo per fermare la distruzione della foresta amazzonica e dei suoi popoli. Ma la sua fuga ha avuto un prezzo. Ora giace nel letto, avvelenato e tenuto in vita dalle macchine.

[Leggi l’estratto e acquista]