Archivi categoria: notizie

Blockchain, Poste Italiane in Hyperledger

Blockchain

Poste Italiane accelera sulla blockchain aderendo alla community Hyperledger, il consorzio globale guidato da Linux Foundation che raggruppa 260 operatori mondiali per lo sviluppo di uno standard open source per l’applicazione della tecnologia. Si tratta della prima azienda italiana a entrare nel consorzio in cui sono presenti società globali di diversi comparti, dal finanziario al manifatturiero, dall’hi-tech alla logistica.

Per Poste, spiega un comunicato, «l’adesione ad Hyperledger è coerente con le linee strategiche individuate dal Piano industriale Deliver 2022 che mirano a rafforzare la leadership digitale di Poste Italiane e accelera il percorso di acquisizione di nuove competenze e di sperimentazione della tecnologia blockchain e delle distributed ledger technologies (Dlt) per comprendere potenzialità capaci di generare innovazione nel business». [continua a leggere su: ilsole24ore.com]

Windows 10 Mobile fine del supporto a dicembre 2019

windows-10-mobile.jpg

Windows 10 Mobile, versione 1709 (rilasciata a ottobre 2017) è l’ultima versione di Windows 10 Mobile e Microsoft terminerà il supporto il 10 dicembre 2019. La data di fine supporto si applica a tutti i prodotti Windows 10 Mobile, inclusi Windows 10 Mobile e Windows 10 Mobile Enterprise. [fonte HDBlog.it]

Apple Watch allo studio un app per rilevare tempestivamente sintomi di infarto

apple-watch-4

Apple e Johnson & Johnson collaboreranno per capire se è possibile usare Apple Watch 4come strumento di prevenzione degli infarti. Un’app sviluppata da Johnson & Johnson cercherà di individuare con tempestività finora impossibili (a meno di indossare un apparecchio di monitoraggio professionale) la fibrillazione atriale, lavorando in tandem con la funzione di segnalazione di battito irregolare nativa dell’Apple Watch 4 con ECG. [fonte HDBlog.it]

Addio Cortana: Microsoft rinuncia all’assistente virtuale

cortana

RIMASTA indietro rispetto alla rapidità e versatilità dell’Assistente di Google e di Alexa di Amazon, Cortana di Microsoft è in cerca di una nuova vita. A dargliela sarà lo stesso capo del colosso di Redmond, Satya Nadella, che qualche giorno fa ha parlato con la stampa specializzata spiegando che non vede più Cortana come una diretta concorrente dei due sistemi di Big G e di Seattle.

“Cortana sarà l’assistente per qualsiasi abbonato a Microsoft 365 – ha spiegato Nadella al sito The Verge – e bisognerebbe essere in grado di utilizzarla con l’Assistente di Google e con Alexa proprio come si usano le nostre applicazioni su Android e iOS. Almeno, questo è quel che pensiamo su come si dovrebbe sviluppare” l’assistente digitale di Windows, che dal prossimo aggiornamento sarà separata dalle funzionalità di ricerca del sistema operativo. [fonte Repubblica.it]

A tavola con il Radicchio Rosso

risotto-al-radicchio-rosso

In occasione della 48^ mostra mercato del Radicchio Rosso a Preganziol scopriamo le sue proprietà e benefici.

Il radicchio è un ortaggio che appartiene alla famiglia delle Composite. Ha proprietà antiossidanti ed è utile contro psoriasi, diabete di tipo 2, obesità, stitichezza e cattiva digestione.

Esistono varietà di radicchio dal sapore amarognolo ed altre più dolci, quasi tutte sono croccanti. Le tipologie di radicchio si dividono essenzialmente in due grandi gruppi: quelli con foglie dal colore rosso intenso e quelli con foglie variegate.

Sono pregiati il radicchio rosso di Treviso, il radicchio rosso di Verona e il radicchio rosso di Chioggia.

Ha un bassissimo potere energetico ed è quindi utile nelle diete ipocaloriche. Le fibre contenute nel radicchio sono in grado di trattenere gli zuccheri presenti nel sangue; per questo motivo è un alimento consigliato a chi soffre di diabete di tipo 2.

[per approfondire: cure-naturali.it]

La ricetta: risotto al radicchio rosso

Un piatto caldo e profumato, perfetto per i pranzi autunnali e invernali. Il sapore inconfondibile del radicchio rosso si fonde con una mantecatura cremosa e realizzata a regola d’arte, secondo la ricetta tradizionale

  • 250 gr riso carnaroli
  • 100 gr taleggio
  • qb radicchio rosso di Verona
  • 1 l brodo vegetale
  • 20 gr burro
  • 1 cipolla bionda
  • 1/2 bicchiere vino bianco
  • qb sale
  • qb pepe

Lavate il radicchio rosso di Verona, asciugatelo e tagliatelo piuttosto fine. Poi, come nella tradizione del risotto, tagliate finemente 1 cipolla bionda piccola e fatela appassire in 20 gr di burro. Versate, quindi, 250 gr di riso carnaroli nel tegame e lasciatelo tostare per bene aiutandovi con un cucchiaio di legno. Il profumo deve essere proprio quello della tostatura. A questo punto, sfumate il tutto con 1/2 bicchiere di vino bianco.

Aggiungete, dunque, 1 l di brodo vegetale bollente a mestoli fino ad arrivare a 2/3 del tempo di cottura del riso. Ora è il momento di aggiungere il radicchio tritato. Terminate, quindi, la cottura rispettando il tempo indicato e mantenendo il riso al dente.

Per la mantecatura, aggiungete 100 gr di taleggio tagliato a cubetti e 1 mestolo di brodo vegetale. Aggiungete 1 pizzico di sale e 1 macinata di pepe, il risotto è pronto.

[fonte: Grazia.it]

festa-radicchio-2019-volantino-front-1024x724.jpg

La giornata mondiale della pizza

pizza.jpg

Il 17 gennaio è la Giornata mondiale della pizza, con i festeggiamenti dedicati al prodotto ambasciatore del made in Italy. La produzione giornaliera in tutto il Paese è di 8 milioni di pizze, quasi tre miliardi l’anno, il fatturato è di 15 miliardi di euro per un movimento economico che supera complessivamente i 30 miliardi. A vincere dal punto di vista della preferenza dei gusti degli italiani è la pizza tradizionale sulla gourmet con 8 connazionali su 10 (78,8%) che scelgono la marinara, margherita, napoletana o capricciosa. La pizza gourmet registra un 12,1% di ordinazioni, mentre il 6,2% dei clienti sceglie (o è costretto a scegliere per motivi sanitari) le pizze speciali, per lo più biologiche o senza glutine. La pizza con gusti fai-da-te si ferma al 2,9%. La fascia di prezzo non supera in un caso su due i 7 euro, ma c’è una fascia di mercato (4%) oltre la soglia dei dieci euro. Nello specifico – spiegano i ricercatori – la quasi totalità delle pizze tonde «da piatto» costa tra cinque e dieci euro. [continua a leggere su lastampa.it]