Archivi categoria: notizie

Qual è l’assistente vocale più “intelligente”? 

A provare a rispondere a questa domanda, per il secondo anno, è Loup Ventures, società di venture capital che ha messo sotto torchio Assistente Google, Cortana, Siri e Alexa.
I parametri testati, con ben 800 prove per assistente, sono stati capacità di comprensionedella richiesta e quella di fornire risposte corrette, ovviamente in lingua inglese e su dispositivi specifici: Google Home, Apple HomePod, Amazon Echo e Harmon Kardon Invoke con Cortana.

Google Home batte Alexa, Cortana e Siri in questa “battaglia degli speaker”

[continua a leggere su smartworld.it]

Cybersecurity, in Italia record di attacchi

cyber-criminal

Il 2018 restituisce l’immagine dell’Italia come Paese a rischio cybersecurity, in cui gli attacchi si susseguono e hanno ormai raggiunto livelli da record. Nei primi sei mesi dell’anno in fatti, secondo i dati Clusit, gli attacchi sono cresciuti del 31% rispetto all’anno precedente, con un incremento progressivo che porterà il 2018 a superare i numeri registrati nel 2017.

Tra le caratteristiche degli attacchi c’è il fatto che non si tratti di offensive particolarmente sofisticate, ma del ritorno in auge di tecniche già ampiamente sperimentate, che contano sul fatto che gli utenti possano continuare a commettere ancora i soliti, vecchi errori.

Cosa fare dunque per difendersi dagli hacker? La sicurezza è una responsabilità condivisa che deve essere affrontata in modo sinergico da governi, aziende e cittadini.  [fonte corrierecomunicazioni.it]

Instagram, intelligenza artificiale legge le foto ai non vedenti

instagram

Instagram sfrutta l’intelligenza artificiale per descrivere le foto, in modo da andare incontro alle esigenze dei 285 milioni di persone che nel mondo hanno problemi di vista. Il social network delle immagini ha annunciato l’introduzione di un testo automatico abbinato a ogni foto, a disposizione di chi usa i software che leggono i testi su siti e applicazioni.

La funzione usa la tecnologia di riconoscimento degli oggetti per generare una descrizione delle foto attraverso gli oggetti contenuti negli scatti, così da consentire agli ipovedenti di usare la piattaforma.

[fonte Ansa.it]

In USA Apple Watch con funzionalità di elettrocardiogramma

apple-watch.jpg

Il nuovo Apple Watch, lo smartwatch della Mela arrivato sugli scaffali a fine settembre, a breve sarà in grado di fare un elettrocardiogramma (Ecg). La funzione, già preannunciata, dovrebbe infatti essere disponibile con il prossimo aggiornamento del sistema operativo dell’orologio, WatchOS 5.1.2, attualmente in fase di test.

L’Apple Watch Series 4 effettuerà l’Ecg tenendo il dito sulla corona dell’orologio per 30 secondi. Il risultato non sostituisce quelli ottenuti dal medico con sistemi tradizionali, e cioè l’elettrocardiogramma a 12 derivazioni che si avvale di sei elettrodi posizionati sul torace del paziente più 4 sugli arti. L’orologio può tuttavia indicare se c’è un normale ritmo sinusale – cioè il ritmo della contrazione del muscolo cardiaco – o se invece sono presenti aritmie cardiache da approfondire con il medico.

[fonte Ansa.it]

Instagram e la lotta ai like finti

instagram.jpg

Instagram dichiara guerra ai like, commenti e seguaci acquisiti in maniera non autentica. In che modo? Rimuovendoli dagli account che li acquisiscono mediante app di terze parti per aumentare il loro engagement e di conseguenza la loro popolarità.

Negli ultimi due anni il cambio di algoritmo ha completamente stravolto l’engagement personale di milioni di account in tutto il mondo, instagramers, influencer e aziende hanno dovuto fare il conto con un drastico calo di visibilità dei propri contenuti, non performanti più in maniera ottimale come due anni fa, con cali di interazione anche oltre il 60%. Ciò ha indotto molti, tantissimi utenti a ricorrere all’uso di app di terze parti per gonfiare i propri numeri per rendersi più appetibili nel vasto mondo digitale, per attrarre più clienti, o per saziare una sorta di ego dettato dalla smania di raggiungere e vantare elevate interazioni.  [fonte instagrammersitalia.it]

Maxi-attacco hacker agli alberghi Marriott

cyber-criminal

Attacco hacker in larga scala al database della Starwood, parte della catena internazionale di hotel Marriott. A rischio carte di credito, email, numeri di telefono di 500 milioni di clienti che sono stati ospiti degli alberghi dal 2014 a oggi. In corso un’inchiesta interna.

La Marriott ha spiegato in una nota che un dispositivo di sicurezza interno ha segnalato un tentativo di accesso al database Starwood. E dopo una breve indagine è emerso che “una persona non autorizzata si è appropriata di alcune informazioni”.

“Siamo profondamente dispiaciuti per l’incidente”, ha detto la compagnia americana annunciando di aver creato un sito per aiutare i clienti colpiti negli Stati Uniti e in altri Paesi.

La prima segnalazione di un possibile incidente era stata ricevuta dalla Marriott International l’8 settembre scorso. [fonte corrierecomunicazioni.it]