Archivi tag: android

Whatsapp: 7 minuti per cancellare i messaggi inviati per errore

Cancellare i messaggi inviati via Whatsapp per errore? Presto sarà possibile. Secondo il sito WABetaInfo, dedicato all’applicazione per chattare, la novità è in fase di distribuzione su iPhone, smartphone Android e Windows Phone. In una pagina del sito di WhatsApp la nuova opzione viene chiamata “Eliminare i messaggi per tutti”. “Permette di eliminare specifici messaggi che hai inviato a un gruppo o a una chat individuale”, ed è “utile se hai inviato un messaggio alla chat sbagliata o se il messaggio che hai inviato contiene un errore”, si legge. Per eliminare un messaggio – sia esso una frase, una foto o un video – basterà selezionarlo e toccare il simbolo del cestino, quindi toccare “elimina per tutti”. Una volta fatto, i destinatari visualizzeranno la scritta “Questo messaggio è stato eliminato”.

Fonte: CoriereComunicazioni.it

Android sorpassa Windows

Finisce un’epoca per Microsoft: Android, il sistema operativo “mobile” di Google, ha superato per la prima volta Windows, sistema per pc di Redmond, per quanto riguarda l’utilizzo di internet a livello globale. Il sorpasso, trainato soprattutto dal boom di smartphone in Asia, è stato certificato dalla società d’analisi StatCounter.

Fonte: CorriereComunicazioni.it

Gooligan, un milione di account Google a rischio

Si insinua negli smartphone attraverso decine di app e si impossessa delle chiavi di accesso ai profili, al ritmo di 13mila al giorno. E’ il malware soprannominato Gooligan che colpisce i dispositivi con Android 4 (Jelly Bean, KitKat) e 5 (Lollipop), programmi installati sul 74% dei device del mercato globale. A lanciare l’allarme è la Check Point Software Technolgies, società statunitense che si occupa di sicurezza per i giochi online e che ha predisposto un tool su internet per verificare se il proprio account è stato compromesso dal malware. Gooligan è una nuova variante della campagna di attacco malware scoperta l’anno scorso dalla stessa società sull’app SnapPea.

Fonte: Repubblica.it

Movibell, l’app che permette di scoprire 6500 attrazioni culturali italiane

movibellPasseggiare per la città e lasciarsi sorprendere dalle tante bellezze artistiche e culturali del nostro Paese: da oggi è possibile anche con Movibell, la mobile app che permette di scoprire oggetti e luoghi interessanti mentre ci si muove, utilizzando lo smartphone o il tablet come un vero e proprio Radar personale. Pensata per chi visita una città per la prima volta o chi vuole conoscere meglio il proprio territorio, Movibell consente di trovare ed esplorare quasi 6.500 attrazioni culturali tra monumenti, palazzi, parchi archeologici, musei, strutture espositive, teatri e biblioteche presenti in tutta Italia.La nuova versione di Movibell è stata presentata in anteprima al Digital Italy Summit 2016 di Roma: già disponibile per i dispositivi iOS e Android, in italiano e in inglese, può essere scaricata gratuitamente da Apple Store e Google Play. Per utilizzarla è necessaria la connessione a Internet tramite rete cellulare o Wi-Fi, e l’attivazione della funzione di geolocalizzazione (GPS). E’ inoltre disponibile un chatbot che, attraverso Facebook Messenger, invita l’utente a provare Movibell mettendo in gioco la propria conoscenza di alcuni monumenti celebri.

Fonte: Webitmag.it

Da Ios ad Android: tante app, scarsa sicurezza

app-mobile-smartphoneL’80% delle applicazioni non adotta contromisure all’abuso e il restante 20% utilizza sistemi di difesa obsoleti o non adeguati. La metà degli sviluppatori non garantisce la cifratura nella comunicazione verso il back-enddi Andrea FrollàCresce in maniera esponenziale il numero di app mobile ma sulla sicurezza c’è ancora molto da fare. È quanto emerge dal Security Report 2016 elaborato da Iks, società di consulenza IT, e Xtn, azienda specializzati in cybersecurity e antifrode. L’aumento di smartphone utilizzati ha favorito negli ultimi anni il boom delle applicazioni per iOs, Android e altri sistemi operativi ma gli sviluppatori non stanno tenendo abbastanza in conto il tema della difesa dei dati.L‘80% delle applicazioni analizzate, dai servizi bancari ai contenuti multimediali, non adotta infatti contromisure all’abuso o analisi runtime, il rimanente 20% invece adotta sistemi obsoleti o non adeguati. Il sistema operativo iOs, rileva il report, non gestisce in nessuna maniera il rischio di reverse engineering, mentre si attesta al 30% la percentuale di applicazioni Android che gestiscono questa criticità. Più della metà delle applicazioni non utilizza la cifratura nella comunicazione verso il back-end ed è scarsa la presenza di cache e file critici su disco dopo l’esecuzione dell’app. Su quest’ultimo punto iOs mostra più sensibilità al tema, ma non in maniera sufficiente.

Fonte: CorriereComunicazioni.it

Android pigliatutto: è installato in 9 smartphone su 10

androidNove smartphone su 10 nel mondo funzionano servendosi di un sistema operativo Android. A certificare questo dato sull’Os per dispositivi mobili firmato da Google è Strategy Analytics, che ha monitorato le consegne globali di dispositivi nel terzo trimestre 2016. Un risultato ottenuto sottraendo, secondo il report, quote di mercato per lo più a Windows Phone di Microsoft e a Blackberry, piattaforme in caduta libera. Intanto la prossima settimana, l’11 novembre, Google dovrebbe consegnare all’Ue la sua risposta formale sull’indagine aperta su Android in materia di concorrenza per presunto abuso di posizione dominante.

Fonte: CorriereComunicazioni.it

Pokemon Go dalle uova d’oro

pokemongoNel suo primo mese di vita Pokemon go frantuma tutti i record nel campo dei videogame per smartphone. Secondo i dati raccolti dagli analisti di Sensor Tower, infatti, il prodotto Nintendo ha totalizzato in 30 giorni incassi per oltre duecento milioni di dollari. Un risultato la cui portata è ancora più evidente se si considera che si tratta di un’applicazione gratuita, in cui gli acquisti in-app consentono soltanto di fare progressi più velocemente. Grazie agli incassi realizzati sull’App Store di Apple e Google Play per dispositivi Android la performance di Pokemon Go supera di gran lunga quelle dei giochi che finora avevano riscosso più successo, Candy Crush Soda, che risale a fine 2014, e Clash Royale, uscito quest’anno.

Fonte: CorriereComunicazioni.it