Archivi tag: Ios

Apple Academy anche a Salerno

appleEntra nel vivo, al campus di Fisciano (Salerno), la Apple iOS Academy @Unisa con la prima lezione che si è tenuta questa mattina. Nel corso di queste settimane, 60 studenti dell’Ateneo degli Studi di Salerno provenienti dai corsi di Laurea triennale e magistrale in Informatica, Ingegneria Informatica, Economia, Matematica, Giurisprudenza e Discipline Letterarie, sono stati selezionati per il programma formativo dell’Academy.

Fonte: CorriereComunicazioni.it

Movibell, l’app che permette di scoprire 6500 attrazioni culturali italiane

movibellPasseggiare per la città e lasciarsi sorprendere dalle tante bellezze artistiche e culturali del nostro Paese: da oggi è possibile anche con Movibell, la mobile app che permette di scoprire oggetti e luoghi interessanti mentre ci si muove, utilizzando lo smartphone o il tablet come un vero e proprio Radar personale. Pensata per chi visita una città per la prima volta o chi vuole conoscere meglio il proprio territorio, Movibell consente di trovare ed esplorare quasi 6.500 attrazioni culturali tra monumenti, palazzi, parchi archeologici, musei, strutture espositive, teatri e biblioteche presenti in tutta Italia.La nuova versione di Movibell è stata presentata in anteprima al Digital Italy Summit 2016 di Roma: già disponibile per i dispositivi iOS e Android, in italiano e in inglese, può essere scaricata gratuitamente da Apple Store e Google Play. Per utilizzarla è necessaria la connessione a Internet tramite rete cellulare o Wi-Fi, e l’attivazione della funzione di geolocalizzazione (GPS). E’ inoltre disponibile un chatbot che, attraverso Facebook Messenger, invita l’utente a provare Movibell mettendo in gioco la propria conoscenza di alcuni monumenti celebri.

Fonte: Webitmag.it

Da Ios ad Android: tante app, scarsa sicurezza

app-mobile-smartphoneL’80% delle applicazioni non adotta contromisure all’abuso e il restante 20% utilizza sistemi di difesa obsoleti o non adeguati. La metà degli sviluppatori non garantisce la cifratura nella comunicazione verso il back-enddi Andrea FrollàCresce in maniera esponenziale il numero di app mobile ma sulla sicurezza c’è ancora molto da fare. È quanto emerge dal Security Report 2016 elaborato da Iks, società di consulenza IT, e Xtn, azienda specializzati in cybersecurity e antifrode. L’aumento di smartphone utilizzati ha favorito negli ultimi anni il boom delle applicazioni per iOs, Android e altri sistemi operativi ma gli sviluppatori non stanno tenendo abbastanza in conto il tema della difesa dei dati.L‘80% delle applicazioni analizzate, dai servizi bancari ai contenuti multimediali, non adotta infatti contromisure all’abuso o analisi runtime, il rimanente 20% invece adotta sistemi obsoleti o non adeguati. Il sistema operativo iOs, rileva il report, non gestisce in nessuna maniera il rischio di reverse engineering, mentre si attesta al 30% la percentuale di applicazioni Android che gestiscono questa criticità. Più della metà delle applicazioni non utilizza la cifratura nella comunicazione verso il back-end ed è scarsa la presenza di cache e file critici su disco dopo l’esecuzione dell’app. Su quest’ultimo punto iOs mostra più sensibilità al tema, ma non in maniera sufficiente.

Fonte: CorriereComunicazioni.it